Esperienza figli 10:
la "storia di adozione" di Jyothi


(ultimo aggiornamento di questa pagina: 28/08/05 )

 

 


Ciao ... beh, non so bene come iniziare ... sono una ragazza indiana, Jyothi (il nome originale per intero sarebbe Brahma Jyothi) e vivo in trentino con i miei genitori adottivi.

Ora ho 22 anni ma, anche se la mia storia (per quel che so) non è complicata, mi piacerebbe condividere le mie emozioni ed i miei pensieri, le mie domande e le mie autorisposte con qualcuno.

Sono nata il 17 luglio 82 ad Ullal, Karnataka, India ... o almeno credo. Insomma, so che i miei genitori mi hanno adottato in una missione (brefotrofio) ad Ullal, un luogo per ragazze madri.
A differenza di altri, io non so proprio nulla delle mie origini ... avrei sempre avuto mille domande ma, per timore di fare del male ai miei genitori adottivi, per paura che potessero pensare che magari non stavo bene con loro, non ho mai chiesto nulla ... solo una volta, ricordo, ho chiesto il nome di mia madre: mi hanno detto che si chiamava Marguerite. Tutt'ora la curiosità, la NECESSITA di sapere è ancora viva in me: mi pento di non aver fatto domande prima ed ora è difficile. Ho un carattere riservato e non riesco ad affrontare l'argomento con NESSUNO, è una cosa che mi porto dentro perchè, sebbene io stia piu che bene qui, in Italia, in Europa, il richiamo della mia India è forte, pure ogni volta che provo a guardare un documentario, ogni volta che tento di informarmi qualcosa mi spinge a lasciar perdere, credo sia la paura di affrontare questa situazione ...

Sono stata adottata a 12 (16, 18, 20, 22) mesi circa, in questo paesino, di cui non riesco a trovare informazione nè foto, oltre a quelle mie che ho a casa ... non ho ricordi perchè ero troppo piccola, vorrei riuscire a contattare il luogo d'adozione ma non so come fare, vorrei conoscere qualche ragazza indiana con cui confrontarmi, con cui parlare della mia india, con cui scambiare i miei stati d'animo, i miei pensieri su questo mondo così lontano ma che in fondo portiamo nel cuore ...

Mi chiedo spesso perche i miei genitori, quando hanno visto che non chiedevo nulla, non abbiano parlato loro, perchè non mi hanno raccontato nulla. Talvolta ho degli istanti in cui li colpevolizzo per non aver compreso il mio desiderio, la mia necessita di sapere: mi rendo conto che la mia insicurezza a tutt'oggi è dovuta anche a questo fatto. Quando le persone mi chiedono qualcosa (che poi, la gente veramente a volte è troppo insistente, non ha alcuna sensibilita`) ed io non rispondo nulla perche` NON SO NULLA, mi sento come su un vulcano in eruzione. Comunque, poi alla fine mi rendo sempre conto che è sciocco colpevolizzarli, probabilemnte per loro era difficile quanto per me spiegarmi determinate cose, perchè bisogna capire quand'è il momento giusto e non è facile.

Mi rendo conto che forse sono stata molto confusionaria, ma, gentilemnte, vi chiederei se potreste raccontarmi qualcosa di questa India così cara e così ignota, sconosciuta, che mi chiama giorno e notte, ed io faccio orecchie da mercante, perchè voglio andarci con tutta me stessa, ma con calma, non solo per un paio di settimane, e soprattutto non con viaggi organizzati ... voglio andarci quando avrò finito gli studi ...
Mi viene in mente una cosa, ora ... mio padre mi dice che sono "proprio Indiana", perchè, sebbene io sia molto vivace, ho un temperamenteo tranquillo, le cose le faccio (o le vorrei fare) con calma, ho i miei tempi, i miei silenzi, non mostro quando e quanto sto male.
Mi ha sempre stupito, poi, una cosa ... molte persone dicono che la fisionomia del mio viso assomiglia a quella di mio padre, mi dicono che "sono sputata", ...così come spesso mi dicono che, al telefono, ho la voce uguale a quella di mia madre ... sono tutte cose che mi provocano strane emozioni, dentro, ma che non esterno perchè ... beh, perchè non le saprei spiegare ....

Vi ringrazio di tutto.

Un abbraccio stretto che, per quanto non vi conosca, mi viene dal cuore e, se posso, un consiglio: spiegate sempre tutto a vostra figlia, anche se non dovesse chiedere, e , soprattutto ... mia madre spesso dice "ti conosco e so come sei" e frasi di questo tipo ... non lo fate! Per quanto io viva con i miei da 21 anni, comunque loro conoscono solo quello che vedono, ma non quello che si agita all'interno del mio cuore e della mia mente. Forse è solo una questione di forma ... mio padre non mi dice "ti conosco", mi dice "per quel che ho sempre visto di te" ... è già diverso, significa che ha capito una cosa fondamentale ... che, per quanto i genitori non siano quelli che ti mettono al mondo ma quelli che ti allevano, una piccola parte importante è costituita anche dal dna, dal sangue che ci scorre nelle vene. Mia madre ha molti punti di contatto con mia sorella, perchè è figlia loro e quindi qualcosa ha ereditato da loro. Io ho un mio carattere che è veramente completamente diverso: questo mio padre l'ha capito, mia madre invece pretende di capire tutti miei atteggiamenti, i miei modi di fare, le mie affermazioni ...

Grazie ancora,

jyothi


La mia risposta con intercalata (in italiaco) la sua successive risposta:

Cara jyothi mi ha fatto molto piacere ricevere la tua email … ed ho provato una forte emozione leggendo i consigli che semplicemente hai saputo dare a noi che siamo agli inizi di una avventura di adozione, essendo la nostra figlia con noi solo da un anno.

Sono felice che siate finalmente riusciti a cogliere il frutto del vostro amore, che avete tanto desiderato ... sono davvero felice.

Nostra figlia è nata in Colombia e della "tua India" sappiamo meno di quello che c’è scritto in un qualsiasi libro di geografia!

Anche nostra figlia, seppure non abbia ancora 5 anni, dice la “mia Colombia”, quando si parla del suo Paese natale … proprio come hai fatto tu nella tua email!! È strano come un Paese che hai visto solo per pochi mesi comunque ti rimanga nel cuore per tutta la vita ….

Ciao ... grazie per avermi risposto ... già, è davvero strano ... qualcosa di cui all'inizio, da bambino, non sei pienamente coscente, è qualcosa che senti dentro, come un urlo ... poi crescendo lo comprendi, lo accetti, lo ascolti, a volte urli con lui ... è un richiamo ancestrale, qualcosa di importante, qualcosa che ti rende fiera di essere quel che sei.

Penso che tra qualche anno ritorneremo in Colombia a trascorrere le vacanze, anche perché abbiamo conosciuto persone splendide con cui abbiamo ancora dei contatti (alcune sono addirittura venute qui in Italia a trovarci a casa nostra!). …

La suora che mi tenne in India, suor Maria Grazia ... lei è di Bergamo, ma da 4 anni è stata fatta tornare in Europa, anche se non le hanno spiegato il motivo: ora è in Inghilterra. Un paio di anni fa sono andata a trovarla. Ci siamo sempre tenute in contatto, ma il pensiero di (ri)vederla da adulta mi metteva in ansia: quante domande, quante curiosità, quanti dubbi, quanti racconti mi aspettavo ... ed invece, ho visto solo una donna anziana, avrà circa 68 anni, che si sente un pesce fuor d'acqua, perchè il suo mondo era la` ... e parlarne le faceva male ... e così ho lasciato perdere, non ho piu chiesto nulla ... però è stato come un passo in piu verso il mio mondo, una corda in piu per tenermi legata e arrivare la`.

e penso che anche tu avrai occasione di andare a vedere di persona il tuo Paese di origine e sarà sicuramente una forte emozione … anche se forse lo troverai “diverso” da quello che hai sempre immaginato.

Già, ... probabilmente sarà così, diverso da come lo immagino. Come immaginare il Principe Azzurro per tutta la vita e poi trovarsi magari un rospo ... ma un rospo con un cuore grande grande, con tutte le caratteristiche che hai sempre sognato, anche se l'aspetto esterno non è dei migliori. Soprattutto, spero di riuscire a trovare quel pezzettino di me stessa che mi manca e che , credo , sia rimasto là.

Un abbraccio

Enzo

P.S. Se acconsenti, pubblicherei la tua email nel sito adozioni+giuste. Fammi sapere se posso anche indicare il tuo indirizzo di email in modo tale che qualche altra persona (magari di origini indiane) possa eventualmente contattarti.


Certo, volentieri, per me non è assolutamente un problema, sarei contenta di conoscere qualcuno che ... mi assomigli un pò ...
Grazie ancora,
un abbraccio stretto ed un sorriso a voi ...

Tantissimi auguri a voi ed alla vostra bimba,

jyothi (bimba_del_sole@email.it)

 

 


Vai all'inizio                         Homepage